Ultime segnalazioni

My Life Next Door


Genere: Romance

Autore: Huntley Fitzpatrick

I Garrett sono l’esatto contrario dei Reed. Chiassosi, incasinati, espansivi. E non c’è giorno che, a insaputa di sua madre, Samantha Reed non passi a spiarli dal tetto di casa sua, desiderando essere come loro… Finché, in una calda sera d’estate, Jason Garrett scavalca la recinzione che separa le due proprietà e si arrampica sul pergolato per raggiungerla. Da quel momento tutto cambia e, prima ancora di rendersene conto, Sam inizia a trascorrere ogni momento libero con il paziente e dolce Jase, a cui piace fare tutto quello “che richiede tempo e attenzione”, come dedicarsi agli animali, riparare oggetti rotti e soprattutto… provare a far breccia nel cuore della sua diffidente vicina. Perché non c’è nulla di più appagante che riuscire a strappare un sorriso alla ragazza della porta accanto.

Buongiorno, anime. Oggi facciamo un tuffo nel passato! Torniamo nel 2014 quando uscì il primo romanzo della serie "My Life Next Door" di Huntley Fitzpatrick: "Quello che c'è tra noi", uno young adult portato in Italia dalla DeA. 
Probabilmente vi starete chiedendo come mai vi stia parlando di questo
romanzo, sono passati anni lo so, ma all'epoca il nostro amato blog non era ancora nato, e a breve uscirà il secondo libro di questa serie. Quindi, quale momento migliore per rinfrescarci la memoria? Mi ricordo che fui catturata dalla cover di questo romanzo e, da amante del genere YA, mi sono fiondata su questo libro, ma come si suol dire non è tutto oro ciò che luccica. Partiamo dall'inizio così mi spiego meglio... Due case una di fianco all'altro in cui vivono due famiglie completamente diverse: i Garrett e i Reed. Una famiglia numerosa e rumorosa e una tranquilla e fredda. Non c'è niente in comune tra loro, tranne, forse, l'amore. Chissà. Samantha è una studentessa e figlia modello. La sua vita è tutto 
un programma, ma da un po' di tempo disubbidisce a una regola imposta dalla madre: mai sbirciare nella vita dei vicini. 
La solitudine che la circonda però la porta ogni sera sul bordo della finestra a osservare la vita chiassosa che conducono i Garrett. Loro sono una famiglia numerosa, non sono mai soli e si divertono sempre e il suo stile di vita le fa capire che forse le piacerebbe far parte di qualcosa di diverso della solita monotonia. Una notte succede una cosa imprevedibile: Jase Garrett la raggiunge sul tetto di casa. 
Da quella fatidica notte tutto cambia per Samantha. Jase sarà un uragano nella sua vita, ma non sarà l'unico, perché l'intera famiglia l'inonderà d'amore.
Ma cosa succede se la loro strada viene ostacolata da una madre troppo severa e ossessionata da ciò che dice la gente? Riuscirà a Sam a vivere l'amore che veramente sogna, senza bugie e compromessi? 

"Non è chiaro chi abbraccia chi. Ma non importa. Jase è tra le mie braccia e lo stringo forte. Ho pianto così tanto che ho esaurito le lacrime. Sento tremare le spalle di Jase e poi lentamente le sento fermarsi. Restiamo in silenzio, molto a lungo.E va bene così, perché anche le parole più importanti – Ti amo. Scusa. Mi perdoni? Sono qui. – non sono che sostituti di quello che si può dire senza aprire bocca."

Vi invito a leggere questo libro perché lascia una bella lezione di vita. Ho amato molto lo stile dell'autrice, anche se molto spesso tendeva a scendere troppo in particolari superflui. Avrei voluto che la storia si concentrasse di più sull'amore tra Jase e Sam, invece questo era sullo sfondo. Quello su cui l'autrice ha posto l'accento è stato il pregiudizio e il divario che divide le persone ricche da quelle che devono fare mille sacrifici per portare avanti la famiglia; dall'idea di come una famiglia dovrebbe essere e come dovrebbe comportarsi. Non è la ricchezza a determinare il bene che si vuole ai propri figli; non deve essere la ricchezza a decidere chi poter amare. 
Ho apprezzato questa lezione, ma da romantica quale sono ero affamata di un amore toccante. Detto ciò, consiglio questo libro perché anche se sono passati anni non l'ho dimenticato; perché è come se, nonostante non era ciò che cercavo il quel momento, mi è entrato dentro comunque. Mi accingo a leggere il seguito sperando che questa volta apprezzi di più la storia. 
Un abbraccio lettori, alla prossima.

Voto storia - 3 e mezzo, più che bella








Genere: Romance

Autore: Huntley Fitzpatrick

11 Luglio

L’ultima cosa di cui una maniaca del controllo come Alice Garrett ha bisogno è un tipo come Tim Mason. Tim che è il migliore amico di suo fratello minore. Tim che attira i guai come una calamita. Tim che fiuta l’alcol anche bendato. Ma si sa, le cose non vanno sempre come si vorrebbe. Così, quando Tim si trasferisce nell’appartamento sopra il garage dei Garrett, Alice comincia a conoscerlo meglio. E capisce che dietro quella maschera da bad boy si nasconde un ragazzo che, dopo aver toccato il fondo, è pronto a tutto pur di cambiare. Anche a prendersi finalmente la responsabilità per il guaio che ha combinato un anno prima. Un guaio che Tim non ricorda nemmeno ma le cui conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Qualcosa di così scomodo che potrebbe mettere fine alla storia con Alice ancora prima che abbia inizio.


Salve lettori! 
Dopo tempo sono tornata ad un genere che non leggevo da un po': lo young adult. Il libro che mi ha fatto rituffare nella vita e nei problemi degli adolescenti e di cui vi parlerò in anteprima è "Un cattivo ragazzo come te" di Huntley Fitzpatrick, seguito di "Quello che c'è tra noi", pubblicato dalla casa editrice DeAgostini. Tra le pubblicazioni dei due libri è passato un considerevole lasso di tempo. Ricordo che dopo aver letto "Quello che c'è tra noi" non vedevo l'ora che uscisse il seguito, allora ancora inedito anche in America. Sono passati quasi quattro anni eppure quel libro e il suo seguito mi sono rimasti in testa e quando ho visto quest'anteprima non ho potuto non chiederlo subito alla CE, che ringrazio per avermi permesso di leggerlo prima dell'uscita. 
Se ricordate, in "Quello che c'è tra noi" due ragazzi vicini di casa, Samantha Reed e Jase Garrett, completamente differenti tra loro si sono innamorati a discapito delle circostanze e con il loro amore hanno superato ogni ostacolo che si frapponeva tra loro. 
I Garrett sono una famiglia numerosa, otto figli a cui se ne aggiungerà un nono. Questo libro ha come protagonisti la figlia maggiore dei Garrett, Alice, e Tim Mason, il migliore amico di Sam e Jase.
La storia parte da dove l'avevamo lasciata. Il signor Garrett, reduce da un brutto incidente, è costretto a stare in ospedale; la signora Garrett, incinta, si divide tra visite ai medici per lei e il marito. Ad occuparsi del resto della famiglia c'è Alice, che ha messo in pausa la sua vita e i suoi studi per portare avanti la famiglia e occuparsi dei numerosi conti.
Tim, che nel primo libro abbiamo conosciuto come alcolizzato e dipendente da droghe, è riuscito a disintossicarsi e sta cercando di tornare in carreggiata, ma suo padre non gli semplifica le cose. Lo caccia di casa e gli dà un ultimatum: deve diventare un uomo in un paio di mesi altrimenti gli taglia ogni sorta di aiuto economico. Tim, espulso da tre scuole e licenziato da cinque lavori, si ritrova a dover vivere in un locale sopra il garage dei Garrett. 
Sin dalla prima volta in cui si sono visti, tra Alice e Tim è passato qualcosa; quella famosa scintilla che immancabilmente migliora o rovina tutto. 
Ma Tim non è il tipo di Alice. Non può dominarlo, usarlo e poi mollarlo; il suo tipico modus operandi nelle relazioni. Tim non è il tipo che si fa abbindolare da discorsi preparati e scuse riciclate; in più è stato già ferito abbastanza per poter
essere usato anche da lei e Alice lo sa. Anche Tim lo sa, ma comunque non disdegna l'idea di lasciarsi dominare da Alice. 
Avete presente quella sensazione di fare un passo avanti e contemporaneamente farne tre all'indietro? Ecco, è quello che succede ogni volta ad Alice e Tim. Ogni volta che sembrano avvicinarsi e mettere al posto giusto un pezzo del puzzle dei loro sentimenti, arriva qualcuno a scombinare di nuovo tutti i pezzi. 
Nel caso di Alice, il peso delle responsabilità che ha dovuto assumersi sostituendo i suoi genitori e nel caso di Tim, un neonato che non si ricorda di aver contribuito a concepire. Per la prima volta in 17 anni, Tim sa che deve essere responsabile, non per se stesso, ma per quel bambino che si è visto piombare nella sua vita da una madre più che felice di liberarsene. 
Il bello dell'amore tra Alice e Tim è che non è a prima vista né scontato. Cresce piano, alimentato da piccoli gesti, un aiuto, una parola, uno sguardo comprensivo. 
Nessuno dei due sa cosa significa amare un'altra persona, ma insieme, tra frecciatine e momenti dolci, iniziano a capirlo e sentirlo. 
Se solo i problemi non decidessero i momenti peggiori per sbucare e mandare fuori strada i due ragazzi con fin troppi pensieri per due adolescenti. 
Alice e Tim sono due ragazzi che hanno dovuto crescere in fretta e prendere in mano la loro vita prima che andasse a scatafascio. 
Non solo per affrontare i problemi finanziari e materiali, ma sopratutto per superare quelle paure che li tenevano ancorati a una maschera. Alice, autoritaria e forte, sempre alla ricerca di uomini più deboli, inconsciamente cerca qualcuno che possa permetterle di mostrare le sue debolezze e che cammini fianco a fianco con lei, non dietro come un cagnolino. 
Tim, da ragazzo incosciente e menefreghista, affronta una delle sfide più difficili per l'uomo: resistere alle tentazioni. Con l'aiuto di Calvin, il bambino che è stata un po' la ciliegina sulla torta delle sue bravate, ha imparato a mettere i suoi desideri da parte e concentrarsi su quelli di un essere innocente che necessita ogni cura e attenzione. 
La crescita e i cambiamenti dei due protagonisti, più dell'amore che impregnava le pagine, hanno caratterizzato la storia. 
Crescere, affrontare cambiamenti spaventosi, prendere in mano le proprie decisioni, saper rinunciare a ciò che si agogna, non sono caratteristiche solo dell'adolescenza. Sono fattori che condizionano continuamente la vita dell'uomo, dalle cose più semplici. Venirne a patti è una sfida che non sempre si vince, ma l'unico modo per farlo è prendere in mano la situazione e affrontarla di petto. 
Non posso dirvi se Alice e Tim riusciranno a capire questa lezione e superarla, ma posso assicurarvi che ogni decisione, ogni sfida e paura la sentirete come se fosse vostra. Mano nella mano con i personaggi sentirete la pressione delle bollette non pagate, dei bambini che contano sul vostro aiuto, di un padre che preferisce ignorare il proprio figlio piuttosto che ammettere che abbia bisogno di aiuto. 

"Mi appoggio all'indietro, chiudo gli occhi, sento il suo braccio dietro di me, l'indice che scorre lentamente su e giù, intorno alla piega del mio gomito. Dovrebbe cullarmi, rilassarmi... e invece la mia pelle è percorsa da una scossa elettrica. È una notte serena con l'aria un po' fresca, agrodolce come una mela. C'è solo uno spicchio di luna e le stelle sembrano una manciata di lustrini lanciati sul nero. Sono lontana, alla deriva nello spazio, distante da tutto e tutti tranne che da Tim."

La scrittrice con un tocco delicato e a volte ironico, riesce a trascinarci nelle vicende dei protagonisti e con un ritmo incalzante ci porta fino all'ultima pagina con un sorriso sulle labbra. I capitoli sono alternati tra il punto di vista di Alice e Tim e per il modo in cui è scritto, molte volte sembra di essere nella loro testa; in questo modo è molto facile immedesimarsi nelle loro vite, in quello che hanno vissuto e che li ha portati a comportarsi come fanno, nei bivi che la vita gli mette davanti e le scelte che devono prendere, nei sentimenti che iniziano a provare e a cui non sanno dare un nome. 
Vi consiglio la lettura di questo libro non solo per la storia di Tim ed Alice, ma anche per la grande famiglia Garrett che andremo a rincontrare e che è sempre pronta a farci fare una risata, perfetta per queste ore di caldo tremendo! Baci




Voto storia - 3 e mezzo, più che bella




P.s. 
Non perdetevi il giveaway organizzato sulla nostra pagina Facebook, per provare a vincere una copia cartacea de: Un cattivo ragazzo come te.

Nessun commento:

Posta un commento